Mafia: bufera per l’intervista di Vespa a Riina jr a Porta a Porta. Il conduttore: “Per combattere la mafia bisogna conoscerla”

++ Rai: azienda, Vespa corretto, polemiche preventive ++

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fa un certo effetto vedere il figlio del boss mafioso Totò Riina sciorinare come se fosse un figlio qualunque la sua parvenza di normalità. Anche la mafia vista così diventa normale. E a suggellare l’intervista come fatto assolutamente normale ci pensa Vespa: “Tra poco trasmetteremo l’intervista a un mafioso. E’ Salvo Riina, il figlio di Totò Riina, il capo dei capi della mafia… Un ritratto sconcertante, certo, ma per combattere la mafia – che tuttora è potente e gode di protezione diffuse – bisogna conoscerla. E per conoscerla meglio c’è bisogno a nostro avviso anche di interviste come questa”. Bella faccia tosta, non c’è che dire. E il tutto in nome della conoscenza…

“Sentire quel racconto in cui il figlio non giudica e non condanna il padre è difficile da sopportare”. Lo afferma in un’intervista al quotidiano Avvenire la presidente della Rai, Monica Maggioni, a proposito dell’intervista al Salvatore Riina, figlio del boss Totò, andata in onda ieri sera a Porta a porta su Rai1. “Nel servizio pubblico, e per i giornalisti del servizio pubblico, la vittima e l’aguzzino non possono avere stessa dignità di racconto a meno di non considerare sullo stesso piano la mafia e chi lotta contro la mafia”.

E questo sarebbe il servizio pubblico che noi paghiamo con il canone? Ma siamo matti? Qui si sta perdendo il senso della misura e della decenza.

Mafia: bufera per l’intervista di Vespa a Riina jr a Porta a Porta. Il conduttore: “Per combattere la mafia bisogna conoscerla”ultima modifica: 2016-04-07T11:54:33+00:00da berserkrargh

Questo elemento è stato repostato da

  • Avatar di falco244

6 pensieri su “Mafia: bufera per l’intervista di Vespa a Riina jr a Porta a Porta. Il conduttore: “Per combattere la mafia bisogna conoscerla”

  1. A me tutta questa polemica mi puzza un pochino tanto di ipocrisia….Riina Junior è il padre?? No! E’ stato condannato come pluriomicida etc?? No….E’ un cittadino italiano?? Si…ha il diritto di esprimere la propria opinione anche pubblicamente, stando alle ns. leggi fondamentali, come ad es. la Costituzione?? La risposta è retoricamente SI!
    Vespa per il ben pensare deve sempre e solo ospitare i vari esperti del crimine a commentare notizie trite e ritrite?? Oppure qualche solito politico che fa propaganda sul suo operato o sul quello del suo gruppo??
    Inoltre…siamo il paese che ha esportato il crimine organizzato in moltissime democrazie avanzate….che quando hanno visto ciò che sanno fare gli italiani hanno iniziato a depredarci anche i cervelli buoni….e siamo gli unici che vogliamo nascondere persino a noi stessi l’esistenza della criminalità organizzata??
    Mi sembra di vivere in questi bui antri dove mettere tutte le cianfrusaglie inutili e superflue oppure dove nascondere i ricordi più scomodi del ns. passato….che poi volendo sarebbe anche tutto più facile…mettiamoci…lì dimentichiamo tutto ed andiamo avanti con le ns. vite, come nulla fosse accaduto, andiamo avanti stancamente con le solite fiction, che parlano di piovra, ndrangheta, camorra, mercato degli stupefacenti….ascoltiamo i vari tg che ci raccontano degli introiti milionari delle mafie….così almeno la pillola è indorata, più colorata e per di più permettiamo a qualche attorucolo di guadagnarsi il pane quotidiano…
    Questo ci và bene?? Certo che si….
    Purtroppo però uno come il figlio di Riina ci sta bene in tv, perché ci racconta anche la sua verità, ci stà bene perché potremmo forse anche creare qualche domanda in più nel collettivo sul come e sul perché delle morti celebri e su quelle meno celebri….e sarebbe su quel come e su quel perché che in molti non vorrebbero trovare risposta….e quindi seppelliamo Riina e la sua famiglia in qualche grata oscura dove farli tacere ad uso e consumo dei vari enti di stato….e personaggi delle varie chiese e della confindustria….
    Perché c’è veramente ancora qualcuno che crede che uno stato satellite USA abbia potuto permettere ad una banda di uomini di recuperare esplosivi, denaro, armi e faccia tosta da poter sfidare lo stato in modo così palese??

  2. Non ci si può indignare per un servizio che per quanto possa apparire disdicevole, è una storia che fa parte della nostra società, non bisogna nascondere la me..a sotto il tappeto,oltretutto da un uomo che scrive un libro per esternare le sue considerazioni ci si aspettava ben altre risposte, però ci ha fatto capire che la cultura mafiosa è radicata ed è molto difficile estirparla, e questo ha dimostrato come i figli dei criminali non riescono neanche a scindere il lato privato familiare da quello sociale per il loro padre, ciò è successo anche con i gerarchi nazisti.Questo documento è importante per capire la mentalità mafiosa, non è certo una trasmissione televisiva a dare pari dignità ai mafiosi e alle loro vittime ma sicuramente fa capire quanto sia difficile combattere in un humus con una subcultura così forte e restitusce secondo me ancora più dignità a chi si è sacrificato.

Lascia un commento